Liceo Artistico Statale   Liceo Artistico Giulio Romano Mantova
   Liceo Artistico Alessandro Dal Prato Guidizzolo

 

Tu sei qui

Cerimonia di consegna dei Diplomi e della Borsa di Studio “Excursus” al Liceo A. Dal Prato.

Sede di riferimento: 

  • Liceo Artistico Guidizzolo

Nella speciale cornice del Masec, sabato 17 marzo’18, ha avuto luogo la cerimonia di consegna della Borsa di Studio da parte dell’Associazione degli ex allievi “Excursus” intitolata alla memoria del fondatore della scuola prof. Alessandro Dal Prato. A seguire, la consegna dei diplomi ai maturati e degli attestati di merito agli alunni che si sono distinti lo scorso anno scolastico. Non una semplice cerimonia, ma un vero e proprio evento frutto della collaborazione tra Liceo artistico, Associazione culturale S. Lorenzo ed Associazione ex Allievi Excursus, condotto in porto grazie alla regia attenta della D. S. Alida Irene Ferrari e del prof. Amedeo Buccelleni.

Ospite d’onore il prof. Ugo Bazzotti, storico dell’arte, conservatore del Museo Civico di Palazzo Te e poi direttore dello stesso, nonché ex docente dell’Istituto d’arte di Guidizzolo, il quale, dopo i saluti istituzionali della D.S., del sindaco di Guidizzolo Stefano Meneghelli, di Giovanni Zangobbi ex docente del L.a., ha presentato il volume “Valbonetti - ricordo di Fausto e Franca” : “Ricordare o fare memoria? C’è una sottile quanto sostanziale differenza tra l’uno e l’altra. Fare memoria non vuol dire ricordare quanto piuttosto rileggere un fatto, o come nel nostro caso la vita, e rendere, il fatto o la vita, ancora presenti: fare memoria equivale a rendere presente”. Così Bazzotti ha fatto memoria di due vite, e non solo, arrivate nel mantovano e a Guidizzolo verso la fine degli anni ’60: i coniugi Fausto Valbonetti e Franca Bagnoli i quali insegnarono in quello che ora è il Liceo Artistico ‘Alessandro Dal Prato’ per far rientro dopo alcuni anni nella loro Anghiari dove la malattia li strappò troppo presto alla vita. Ed erano lì, Fausto e Franca, al Masec; con loro sicuramente anche Alessandro e Leonardo Dal Prato richiamati più volte: il ‘direttore’ della Scuola d’Arte che li chiamò a Guidizzolo ed uno degli amici di sempre. Gli altri amici e conoscenti erano seduti nelle prime file del Masec dove è stato presentato il volume edito dal Centro Culturale ‘San Lorenzo’ rappresentato da Andrea Dal Prato. Bazzotti ha poi tenuto un’ampia dissertazione sulla Pala della Trinità del Rubens, la cui storia dopo lo ‘smembramento è tutta particolare, presentando la sua ‘restituzione ideale. Ricostruzione resa possibile grazie al prezioso contributo dei coniugi Valbonetti; nel libro presentato se ne fa ampia menzione. In sala anche i tre figli di Fausto e Franca: Simona, Luca e Andrea i quali, con tutti i presenti, hanno accolto alcuni passi delle testimonianze dei molti amici guidizzolesi lette da Anna Giallonardo e Edoardo Bassoli.

Al termine di questo intenso momento l’Associazione di ex allievi ‘Excursus’, presieduta da Raffaele Darra accompagnato da Giovanni Magnani, ha consegnato la borsa di studio intitolata a Alessandro Dal Prato ed assegnato all’allieva/o che nell’a.s. 2016/17 ha conseguito il maggior punteggio scolastico; quest’anno il riconoscimento è andato alla giovane Elisa Magli che nel biennio ha avuto la straordinaria media voti di 9,58.

Infine, come da scaletta, la D.S. ed il suo collaboratore prof. Rino Bianchi hanno proceduto alla cerimonia di consegna dei diplomi ai maturati delle tre calassi quinte dello scorso a.s. e degli attesti di merito agli alunni delle classi 1^,2^,3^ e 4^ che si sono distinti nell’ a.s. 2016/17.

La mattinata si è conclusa con un inaspettato ed emozionante intervento fuori programma. Protagonista l’ex alunno neodiplomato Davide Bontempi. Nel ritirare il diploma, il ragazzo ha voluto rivolgere un breve e sincero discorso di ringraziamento ai docenti e a tutto il personale scolastico per l’accoglienza e la qualità della formazione ricevuta nei cinque anni trascorsi al Liceo Dal Parto e salutare i suoi ex compagni di scuola con una esortazione all’impegno per raggiungere, senza mai perderli di vista, i propri obiettivi. A lui l’applauso più forte e caloroso di tutti i presenti. 

...